Perchè Tibex Evandri

Perchè Tibex? Perchè Tibex unisce. La testimonianza di Carrozzeria Evandri

In Notizie dai produttori, Opportunità di Business by AlessandroLascia un commento

Tibex riesce a creare condivisione e far lavorare le aziende tra loro, e un'impresa artigiana si regge solo c'è condivisione tra tutti.

Perchè Tibex? Semplicemente perchè in Tibex si crea condivisione e partecipazione. Un vero e proprio network di aziende che si scambiano beni e servizi, ma non in euro… bensì in Tibex!

Il circuito si fonda sul principio che se qualcuno produce beni o servizi con un potenziale mercato, questo è già di per sé un valore. Indipendentemente dalla liquidità. Quindi il circuito può generare ricchezza prima che si materializzi il denaro. Nella pratica Tibex è un Circuito di Credito Commerciale, che rende possibile una “compensazione” di crediti e debiti.

Perchè Tibex

Perchè Tibex? Perchè Tibex unisce.

Ancora dubbi? Forse è meglio farsi raccontare come funziona il circuito dagli imprenditori che lo utilizzano. #ilcircuitosiamonoi è l’hastag del piano di comunicazione lanciato da Tibex, attraverso cui gli imprenditori raccontano le proprie esperienze. I motivi per cui hanno aderito ed i vantaggi che traggono ogni giorno dall’esserne parte.

La testimonianza di Marco Evandri, titolare della Carrozzeria Evandri, chiarisce alcuni aspetti salienti del progetto Tibex. “Ho aderito al circuito Tibex inizialmente per curiosità”, ci racconta Marco. “Ho visto subito incrementare il numero dei clienti, iniziando a lavorare con gli associati. Questo mi ha portato ad accumulare crediti“.

Perchè Tibex Evandri

“Finalmente ho avuto la possibilità di reinvestire, per la quasi totalità, nell’acquisto di attrezzatura per l’officina. Ad esempio ultimamente ho acquistato un compressore nuovo. Tale acquisto, se fossi dovuto ricorrere al credito bancario, probabilmente non lo avrei fatto. Non lo avrei messo tra le priorità. Ed invece era una necessità per l’officina. Ho in programma di spendere ancora Tibex, per promuovere i servizi e l’immagine dell’officina”.

Perchè Tibex Evandri

Perchè Tibex? La testimonianza di Carrozzeria Evandri

La Carrozzeria Evandri è operativa a Roma dal 1967, in Via di Pietralata 321. Offre verniciatura a forno, banco riscontro scocche e consulenza legale, oltre a convenzioni con le principali compagnie assicurative. La carrozzeria segue il cliente a 360°, dal soccorso stradale all’auto sostitutiva, fino alla riconsegna dell’auto a domicilio. Il lavoro è ancora improntato su una sapiente manualità, seguendo i dettami del lavoro artigiano di qualità. Caratteristica, quest’ultima, che tende a scomparire anche in questo settore.

Se chiediamo a Marco, perchè Tibex? Ci risponde senza pensarci: “Perchè Tibex unisce e l’impresa artigiana, come la mia, si regge se c’è condivisione tra tutti”. Tibex riesce a creare condivisione e far lavorare le aziende tra loro”.

Perchè Tibex Evandri

Condivisione di valori, partecipazione tra aziende del circuito, credito a costo zero, crescita della clientela. Questa l’esperienza raccontata da Marco Evandri, dell’omonima Carrozzeria.

Se hai un’azienda e vuoi verificare se la tua attività ha i requisiti per entrare a far parte del Circuito, puoi contattare TIBEX.

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine BUSINESS - Mondo Impresa attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Perchè Tibex? Perchè Tibex unisce. La testimonianza di Carrozzeria Evandri ultima modifica: 2016-11-26T12:30:50+00:00 da Alessandro
The following two tabs change content below.
Curioso, curioso, curioso, iperattivo. Disponibile al confronto solo con esseri "pensanti", con chi è pronto a mettersi in gioco, disponibile a rivedere le proprie "certezze", con chi non si rifugia dietro un "Si è sempre fatto così...". Pregi? La curiosità. Difetti? La curiosità. "Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso." (Albert Einstein)
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento